header blog

BLOG

logot
logofoter
Newsletter
Archivio

Come farti trovare dal cliente sul web? Ci pensano inbound marketing e SEO

19/12/2013, 13:19

Come-farti-trovare-dal-cliente-sul-web?-Ci-pensano-inbound-marketing-e-SEO

Gli scenari in internet sono cambiati e farsi trovare dal cliente non è meno importante che farsi trovare da lui. La strategia giusta oggi si chiama “Inbound marketing” che, insieme a un buon uso del

Ultimi articoli
19/12/2013, 13:19

web,marketing,flazio,seo,parole chiave, inbound marketing



Come-farti-trovare-dal-cliente-sul-web?-Ci-pensano-inbound-marketing-e-SEO


 Gli scenari in internet sono cambiati e farsi trovare dal cliente non è meno importante che farsi trovare da lui. La strategia giusta oggi si chiama “Inbound marketing” che, insieme a un buon uso del





Gli scenari in internet sono cambiati e farsi trovare dal cliente non è meno importante che farsi trovare da lui. La strategia giusta oggi si chiama “Inbound marketing” che, insieme a un buon uso della SEO, permette di essere visibili e raggiungibili dai clienti in quell’universo senza fine che è il web. 

Come? Hummingbird – ultimo algoritmo introdotto da Google – e Penguin hanno cambiato le regole del gioco e se prima l’inserimento di link e keyword strategiche era il primo obiettivo per gli specialisti SEO, oggi è la qualità che traina i contenuti sul web ed è a questa che occorre puntare. 

Il contenuto di qualità è premiato nelle ricerche sul web e Google – oggi più di ieri indiscusso canale di diffusione e promozione dell’informazione – lo indicizza meglio, incrementando la probabilità di ottenere impression, click, conversioni e monetizzare il proprio business sul web. Quattro i consigli che Krystian Wlodarczyk - esperto SEO - ha pubblicato su Positionly per suggerire la migliore strategia di inbound marketing da adottare per rendere il proprio business appetibile online. 

Eccoli: 

#1 - Scrivere contenuti mirati e di valore

Conoscere i principi della scrittura creativa è fondamentale per creare contenuti di qualità in rete. Verificare l’originalità del contenuto, la correttezza e accuratezza dell’informazione, rivedere la forma e affinare lo stile: sono solo alcuni aspetti imprescindibili per pubblicare un contenuto sul web che sia di valore. nSapere a chi ci si vuole rivolgere è un altro principio essenziale prima di iniziare a scrivere. Che sia la pagina di un blog o una newsletter aziendale, occorre conoscere la proprio audience, perché da questo dipenderanno il tono e lo stile del messaggio. Un messaggio corretto rivolto al pubblico sbagliato equivale a un fallimento. Attenzione quindi al contenuto, sì, ma anche a chi è rivolto.

#2 – Fate trovare il vostro contenuto

La ricerca delle migliori parole chiave con cui posizionarsi in rete è un passo fondamentale. Vanno scelte con cura perché costituiscono il contatto con il vostro target, ciò per cui sarete cercati e trovati, così come – se scelte male – ciò per cui resterete assolutamente invisibili.
La scelta delle giuste parole chiave va abbinata alla originalità e creatività dei contenuti che produrrete. La stessa informazione si può dare in modi diversi e Google penalizza chi ricorre al copia-incolla: brutto da vedersi e scorretto da farsi.
Rieditare i contenuti, quindi, e non “rubarli” agli altri: principio da tenere a mente se non si vuole finire nel libro nero della SERP (acronimo che identifica i risultati di una ricerca sui motori online).

#3 – Scegliete il canale giusto per diffondere i contenuti

Che sia Facebook o Twitter, Pinterest o Linkedin, Google o un blog, il contenuto va veicolato attraverso il canale più appropriato, sia in termini di pubblico a cui ci si vuole rivolgere, sia in termini di tipologia di contenuti che lo specifico canale è destinato a ospitare.
Se oggi Facebook penalizza i contenuti e in breve tempo non rappresenterà più una piattaforma vincente per promuovere un post o un contenuto fotografico che fungano da “civetta” per il vostro business, Twitter è ancora il presente, Google Plus è il futuro. 

 #4 – I dati raccolti vanno analizzati

Dopo aver sviluppato una strategia di inbound marketing occorre capire se funziona. Analizzare i dati è il passo essenziale per capire se si sta andando nella giusta direzione o si deve correggere la rotta.
Le visite giornaliere, la frequenza di rimbalzo e il tempo di navigazione sul sito sono dati importanti. Quando sono bassi non devono scoraggiare: cogliete l’opportunità per migliorarvi.


1
Vuoi Diventare Testimonial Flazio?
Inviaci i tuoi dati e i nostri designer valuteranno il tuo sito!
Top 10 News